La riflessologia plantare

Riflessologia, massaggio del piede.

Nella riflessologia plantare si lavora sui piedi, dove ogni zona della pianta corrisponde ad una parte del corpo umano, applicando una terapia naturale che favorisca la salute in generale. Anche se c’è molta diffidenza verso questa terapia, che fino ad ora non ha alcun riscontro scientifico, secondo molti è in grado di apportare diversi benefici come una maggiore energia vitale, la stimolazione del sistema immunitario ed il rafforzamento del corpo e della mente. Si dice anche, e su questo ci può essere poco da obiettare, che questo rilassante massaggio può aiutare a ridurre lo stress e migliorare la circolazione.

Leggi anche: come ridurre lo stress, alcuni consigli.

Il riflessologo effettua un massaggio di varie pressioni ed in punti molto specifici di ogni piede, che sono associati direttamente a qualche parte del nostro corpo: le connessioni nervose tra gli organi, i muscoli e la pelle dovrebbe influire in modo riflesso sui vari disturbi di cui soffriamo. In breve, la prima linea trasversale del piede dovrebbe corrispondere alle spalle, alla testa, al collo e alla nuca, la seconda all’arco bronchiale inferiore e la terza alla base del bacino, ognuno con il suo punto specifico.

Per la riflessologia plantere ci sono alcune restrizioni però: non dovrebbe essere praticata da persone in certe condizioni di salute, come quelle in età avanzata, quelle che hanno appena superato una malattia, quelle che soffrono di malattie croniche e infettive, in stato di gravidanza a rischio o con infiammazioni. o calli dolorosi.

Naturalmente la scienza medica occidentale non è a favore di queste tecniche di massaggio perchè ritiene non siano basate su niente di affidabile e senza alcuna prova scientifica, per questo la riflessologia plantare è comunemente considerata una terapia olistica senza alcuna affidabilità medica.