ONU, missione di emergenza contro l’ebola

Il segretario generale dell'ONU Ban Ki-Moon.

L’ONU ha annunciato la creazione di una missione di emergenza per la lotta contro l’ebola, che si occuperà, tra le varie funzioni, di coordinare gli sforzi internazionali per combattere il focolaio della malattia in Africa. L’annuncio è stato dato dal Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon durante una riunione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, convocata appositamente per discutere dell’epidemia di ebola in Africa occidentale.

Ban Ki-Moon ha affermato: “Ho deciso di istituire una missione sanitaria di emergenza delle Nazioni Unite, che unisca la prospettiva strategica dell’Organizzazione Mondiale della Sanità con una capacità logistica e operativa molto seria”. La missione si chiamerà UNMEER, ovvero Missione delle Nazioni Unite per la Risposta di Emergenza all’Ebola, e si prevede che una squadra avanzata di questa unità raggiunga i Paesi colpiti dal virus entro la fine di questo mese. L’obiettivo della missione è quello di “mettere insieme le capacità e le competenze di tutti i soggetti coinvolti” nel sistema dell’ONU in un’unica struttura per “garantire una risposta rapida ed efficace alla crisi”, stando alle parole del Segretario generale riportate dalle agenzie di stampa.

La missione sarà responsabile di “garantire la consegna rapida degli aiuti internazionali in risposta alle esigenze individuate nei Paesi interessati”, quelli colpiti dalla diffusione dell’ebola, e di organizzare una struttura di formazione per personale locale e straniero che sta cercando di combattere la malattia. Nel comunicato diffuso non si specificano le dimensioni della missione, aggiungendo però che durerà il tempo necessario per controllare la crisi. Nel frattempo, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha adottato giovedì 18 settembre una risoluzione che qualifica l’epidemia di ebola come una “minaccia per la pace e la sicurezza internazionale”, invitando tutti i Paesi a fornire aiuti urgenti per combatterla.