Novartis e Google per le lenti a contatto intelligenti

Novartis.

Il gruppo farmaceutico svizzero Novartis ha annunciato che la sua consociata dedicata all’oftalmologia ha siglato un accordo con il colosso americano Google per la sua tecnologia delle lenti a contatto intelligenti o “smart lens” per scopi medici. Secondo il gruppo svizzero questo accordo tra Alcon, la controllata di Novartis, e la società di Mountain View potrebbe rivoluzionare la cura degli occhi, combinando i progressi tecnologici di Google nella miniaturizzazione di dispositivi elettronici con l’esperienza di Novartis in ambito farmaceutico e nei dispositivi medici.

Joseph Jimenez, Ceo di Novartis, ha dichiarato: “Siamo ansiosi di lavorare con Google per combinare la sua tecnologia avanzata e la nostra vasta conoscenza nel campo della biologia per rispondere ai bisogni medici insoddisfatti”. Jimenez ha sottolineato che questo accordo è un passo importante per comprendere le malattie oltre i limiti della medicina tradizionale. “Il nostro sogno è quello di utilizzare l’ultima tecnologia di miniaturizzazione dell’elettronica per contribuire a migliorare la vita di milioni di persone” ha detto in una nota il co-fondatore di Google, Sergey Brin.

Per il momento l’interesse di Novartis in questa tecnologia si concentra  in due segmenti: in primo luogo, aiutare i pazienti diabetici a controllare la loro malattia, permettendo di conoscere continuamente i livelli di glucosio attraverso una lente a contatto intelligente, progettata per misurare il livello di fluido lacrimale nell’occhio e connettersi con un dispositivo medico attraverso una connessione wireless; il secondo uso sarebbe invece per persone affette da presbiopia che non possono leggere senza occhiali. Le autorità competenti, però, devono ancora approvare questo accordo tra Alcon e Google che potrebbe rivoluzionare il mondo dell’oftalmologia.