Google, chiavetta usb per la sicurezza della verifica in 2 passaggi

Chiavetta crittografica usb.

Google ha presentato sul suo blog dedicato alla sicurezza online una chiavetta usb crittografica per accedere agli account dei suoi servizi, una misura di sicurezza che rafforza il processo di verifica in 2 passaggi. In questo modo si può ottenere una migliore protezione del proprio account perchè utilizza la crittografia invece dei codici di verifica, molto meglio nei tentativi di phising che cercano di aggirare gli utenti.

La chiave di sicurezza è un fattore fisico usb che funziona solo dopo aver verificato che il sito con cui si inizia la sessione di login è davvero un sito web di Google, non un sito fasullo che finge di essere Google nel tentativo di ingannare l’utente, con una copia del logo e delle immagini originali che possono trarre in inganno i meno attenti.

La chiavetta va inserita nella porta usb quando vogliamo accedere al nostro account Google, ma funziona solo con il browser Chrome. Invece di scrivere un codice di accesso, basta solo inserire una chiave di sicurezza nella porta usb del computer e premerla quando sarà richiesto da Chrome.

Quando accedi al tuo account Google con Chrome e la chiave di sicurezza, puoi stare tranquillo che la firma crittografica è al sicuro dal phising.

Questo processo è un’alternativa alla verifica in due passaggi, che prevede l’invio di un codice di sicurezza al telefono cellulare dell’utente per poter accedere ai vari servizi di Google, come Gmail, Youtube e altri ancora.

La questione della sicurezza dei dati online degli utenti è sempre più sentita dalle società tecnologiche che li gestiscono, a causa degli attacchi che si stanno intensificando nel numero e nei danni che riescono a compiere. Anche Google non è nuova a questi problemi e proprio nello scorso settembre sono stai pubblicati su un sito russo gli account con le relative password di 5 milioni di utenti, sottratti in precedenti attacchi ai suoi server.
Cambiare la propria password e renderla più forte è il minimo che si possa fare in questi casi, ma una chiavetta usb crittografata come questa, qualcosa di fisico in possesso solo dell’utente, permette di essere molto più sicuri.