Le aste di Sotheby’s sul web con eBay

Un'asta di arte da Sotheby's.

Il mercato dell’arte continua a puntare su internet per sedurre nuovi acquirenti e lo conferma anche la cooperazione annunciata tra lo specialista delle aste online eBay e la celebre casa d’aste britannica Sotheby’s. Le due società hanno comunicato la volontà di organizzare aste presso la sede newyorkese di Sotheby’s e diffonderle attraverso un portale speciale creato appositamente da eBay, che permetterà di seguire l’evento in tempo reale in tutto il mondo.

Non è la prima collaborazione nata tra le due società, che ci avevano già provato nel 2002 lasciando perdere dopo appena un anno, ma le cose adesso secondo il project manager di eBay Gene Cook “sono diverse”. Gli sviluppo tecnologici permettono di affrontare la situazione diversamente ma anche “i consumatori sono sempre più abituati all’acquisto di oggetti costosi online”.

Secondo le stime del TEFAF, il più grande evento mondiale di arti visive, la vendita di arte online ha raggiunto il 5% del mercato nello scorso anno, per un valore di 2,5 miliardi di dollari, con un potenziale di crescita di almeno il 25% all’anno. Per Hiscox, il più grande assicuratore di oggetti d’arte, “c’è molto potenziale per le vendite online di arte e maggiori investimenti nel settore aiutano il mercato a maturare in fretta”, secondo quanto affermato nella relazione per il 2014.

Ci sono molte nuove piattaforme per la vendita di arte online ed anche Amazon, il principale rivale di eBay, nell’anno passato ha lanciato una piattaforma per mettere in contatto i potenziali acquirenti con gallerie e mercanti d’arte. Ma neanche le case d’asta tradizionali restano a guardare. Per Andrew Gully, responsabile della comunicazione di Sotheby’s,  “un’incremento della presenza online può rendere le vendite più accessibili ad un maggior numero di collezionisti”. “Se solo l’1% degli acquirenti eBay vedesse le aste, sarebbero un milione di persone in più”, qualcosa di eccezionale quindi.

Nel 2013 il grande rivale britannico Christie’s ha registrato un fatturato record di 7,13 miliardi di dollari, un aumento spiegato in parte con la crescita delle attività online. Christie’s ha infatti un proprio portale di aste dove ha realizzato alcune vendite in esclusiva, assicurando che il 45% dei compratori su internet sono nuovi clienti. Secondo Hiscox il 10% degli acquirenti d’arte su internet non aveva mai acquistato prima un’opera in una galleria o ad un’asta; questa percentuale sale al 22% nella fascia d’età tra i 20 ed i 30 anni.